Serie B, Jorge Bastias (Minimotor): “Possiamo fare un bel campionato”

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Un’occhiata alla Serie B insieme a Jorge Bastias. Il 42enne cileno, che quest’anno sarà preparatore dei portieri nella squadra di A2, è l’allenatore della Minimotor Correggio in B. Uno sguardo specifico alla sua formazione e anche alla crescita dei giovani atleti del Correggio Hockey.

Bastias, come vivrà l’esperienza da primo allenatore con la Minimotor Correggio di Serie B?
“Mi aspetto il meglio per questa annata – ha dichiarato Bastias – E’ una squadra molto giovane che godrà degli innesti di atleti che hanno centrato la salvezza nell’ultimo campionato di A2. Dovranno essere di sostegno ai meno esperti. L’augurio è che ci sia spazio e crescita anche per i più giovani, che possano crearsi fin da subito un proprio bagaglio d’esperienza”.

Cosa le ha insegnato la precedente annata in Serie A2, culminata con la salvezza?
“E’ stata una stagione difficile ma con un risultato importante: abbiamo raggiunto l’obiettivo della salvezza avvalendoci di soli ragazzi cresciuti nel settore giovanile. E’ stato emozionante centrare il traguardo all’ultimo turno: eravamo consapevoli delle difficoltà ma siamo molto soddisfatti del lavoro svolto”.

Che squadra sarà la sua Minimotor 2022/23?
“Ci saranno giocatori d’esperienza come Mangano, Orfei e Pozzi mentre Ferrari, Pedroni e Scarpa saranno protagonisti in Serie A2 e B. In quest’ultima categoria, proprio i tre più giovani dovranno dimostrare di saper prendere l’iniziativa e caricarsi sulle spalle la squadra per condurla alla vittoria”.

Come procede la crescita dei portieri?
“Sono contento degli atleti che ho visto in questi anni. Stanno arrivando a buone categorie come Giorgia Teli e Fabio Prandi, senza dimenticare Federico Tolomelli, Federico Pedroni e Sebastiano Severi”.

Due team nella stessa categoria (oltre alla Minimotor, sarà presente la Italplastics Correggio, ndr): un problema oppure un’opportunità anche per la prima squadra?
“E’ un fattore positivo e importante, può dare spazio e l’opportunità di crescere a tutti. Aumenta anche l’agonismo tra gli atleti della stessa squadra”.

Quali sono gli obiettivi e le avversarie più temibili?
“E’ ancora difficile da dire. Ci saranno la Rotellistica Scandianese, Pesaro che è una squadra formata da giovani ed esperti mentre Modena e Roller Scandiano hanno unito le loro formazioni. Il Mirandola sarà un rivale molto forte. Noi non dobbiamo sottovalutare nessuno ma abbiamo la possibilità di fare un bel campionato”.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.