Pablo Jara soddisfatto dopo i primi allenamenti: “Vedo una squadra motivata”

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Le sensazioni iniziali dopo la prima settimana di allenamenti. Pablo Jara, 36 anni, confermato allenatore della BDL-Minimotor Correggio, ha fatto il punto dopo una settimana di lavoro con la formazione che quest’anno disputerà il campionato di Serie A2. Il tecnico, che ha iniziato a lavorare con gli atleti biancorossoblu lo scorso 16 agosto, ha parlato della condizione atletica e del percorso in pre campionato che porterà alla prima sfida ufficiale contro l’Azzurra Novara,  in programma il 25 settembre e valida per la seconda giornata del girone A di Coppa Italia.

Jara, quali sensazioni ha riscontrato nel corso della prima settimana di lavoro?
“Ho trovato una squadra motivata – ha dichiarato Pablo Jara – C’è anche una certa carica e disponibilità, legata alla giovane età dei ragazzi. Sono giocatori aperti, capaci di rispettare la nuova realtà nella quale si trovano e disposti ad ascoltare. Vedo già un certo feeling che sta nascendo tra gli atleti”.

Quale sarà la filosofia della BDL-Minimotor del 2022/2023?
“Avere giocatori pensanti. Gli allenatori allenano e aiutano, i ragazzi vanno in pista e non devono essere dei robot. Il tecnico deve fargli parlare una lingua comune che permetta loto di esprimersi al meglio. Un’altra parola d’ordine sarà creatività”.

Che squadra le sembra a livello tecnico?
“L’età media è bassa e abbiamo inserito ragazzi ancor più giovani. C’è da lavorare da questo punto di vista ma la base è sicuramente buona. Poi ci sono i giocatori più esperti che potranno aiutare la squadra basandosi sull’esperienza della salvezza dello scorso anno in A2”.

Parliamo dei nuovi arrivati: Lorenzo Biancucci, Alessandro Cunegatti e Niccolò Pavan.
“Sono bravi, nulla da dire. Ricoprono tre ruoli importanti e si stanno inserendo bene. Hanno voglia di emergere. Lorenzo Biancucci l’ho visto bene sotto porta e ha buoni numeri per il ruolo di punta, Alessandro Cunegatti ha un’importante forza fisica e voglia di emergere. Niccolò Pavan invece mi ha colpito molto per la sua pacatezza: è molto attento, ha buona fisicità”.

Tema importante sono le conferme rispetto alla scorsa stagione.
“Edoardo Righi, Alessio Caroli, Diego Casari, Nicolò Salines e Francesca Maniero saranno importantissimi nel nostro percorso. Loro sono cresciuti molto nel corso degli ultimi 12 mesi. Mi auguro che l’inserimento di Gabriel Tudela possa dare quella spinta in più a livello di esperienza e tecnica”.

Non mancano i giovani.
“Saranno Simone Scarpa, Manuele Pedroni, Federico Pedroni e Samuele Ferrari. Sono giovani correggesi, che possono essere punti di riferimento per il settore giovanile e per tutti i ragazzi che stanno intraprendendo questo percorso con noi”.

Cinque test amichevoli contro formazioni di Serie A1 per avvicinarsi all’esordio in Coppa Italia del 25 settembre.
“Sarà un termometro molto importante. Per crescere credo sia fondamentale giocare contro squadre forti, ricevere anche dei contraccolpi ma capire subito dove correggere i propri errori. Andare a disputare nel pre campionato gare “comode” e ricevere “pacche sulle spalle” può essere controproducente. Con test di alto livello, puoi mantenere alta la concentrazione in vista della prima uscita del 25 settembre contro Novara”.

Parliamo anche dello staff tecnico.
“Jorge Bastias sarà al mio fianco e inizierà ad allenare i portieri la prossima settimana. Sarà un mio punto di riferimento. Il preparatore sarà Simone Gallo e ha lavorato molto bene sia dal punto di vista delle prevenzione degli infortuni, sia dal punto di vista atletico. Come meccanico ci sarà Lorenzo Sala, fondamentale punto di riferimento per i ragazzi”.

Le piace questa stagione suddivisa in due parti con Coppa Italia nella prima parte e campionato nella seconda?
“E’ una modalità diversa rispetto agli anni scorsi. La Federazione ha fatto le sue scelte, noi le rispettiamo”.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.